PROGETTARE L’USO DEL TERRITORIO NEL RISPETTO DEGLI EQUILIBRI NATURALI PREESISTENTI

Regolamento

(Approvato dall'Assemblea del 18 settembre 2017)

Art. 1 - Regolamento

Il presente Regolamento della Società Italiana di Geoingegneria (S.I.GI.) è predisposto in adempimento dell'art. 13 dello Statuto della S.I.GI. per la gestione della S.I.GI. stessa in osservanza delle norme statutarie.

Art. 2 - Ammissione a Socio

2.1        Ai sensi dell'art. 3 commi 1, 2 e 3 dello Statuto della S.I.GI., il Consiglio Direttivo è l'organo preposto all'ammissione dei nuovi Soci nel rispetto delle modalità qui di seguito previste.

2.2        L'ammissione a Socio ordinario della S.I.GI. è concessa a persona in possesso di laurea magistrale in ingegneria, scienze geologiche, architettura o equipollenti.

2.3        Per l'ammissione a Socio Odinario è necessario rivolgere domanda scritta, indirizzata al Consiglio Direttivo della S.I.GI., in cui siano chiaramente specificati, oltre alle generalità complete del postulante, titoli di studio posseduti, gli Ordini professionali ai quali è eventualmente iscritto (con precisazione, in tal caso, dei relativi numeri d'iscrizione), i suoi recapiti  telefonici e postali, compresa posta elettronica e PEC se posseduta. La domanda potrà inoltre essere facoltativamente corredata da un curriculum professionale e qualunque altro documento utile a illustrare tipo e qualità delle conoscenze e delle esperienze acquisite nel campo della Geoingegneria.

2.4        I Soci Junior, Collettivi Patrocinatori e Sostenitori sono nominati dal Consiglio Direttivo a seguito di loro richiesta.

2.5        Il Consiglio Direttivo, quando vuol dare un particolare riconoscimento a personalità che hanno acquisito speciali meriti nel campo della geoingegneria, può deliberare autonomamente di proporne all'Assemblea la nomina a Socio Onorario. In questo caso la nomina diviene effettiva se approvata dall'Assemblea.

Art. 3 Diritti e doveri dei Soci

La qualifica di Socio si può perdere:

  1.   a seguito di recesso presentato per iscritto al Presidente;
  2.   per morosità biennale nel pagamento delle quote sociali;
  3.   per espulsione.

Nei casi a) e b) la decadenza è deliberata dal Consiglio Direttivo; nel caso c) il provvedimento, conseguente a gravi motivi, è proposto dal Consiglio Direttivo, ma può essere deliberato solo dall'Assemblea.

Art. 4 Quote associative

4.1        A precisazione di quanto indicato all'art. 10 commi 1 e 2 dello Statuto della S.I.GI., il Consiglio Direttivo, entro il 30 Novembre di ogni anno, stabilisce l'ammontare della quota annuale da versare alla S.I.GI., per le varie categorie di Soci, valida per l'anno solare successivo. Per i Soci residenti all'estero sarà stabilita una quota aggiuntiva forfettaria atta a coprire le maggiori spese di spedizione di comunicazioni e pubblicazioni.

4.2        La quota associativa annuale da versare da ogni Socio Ordinario è dimezzata per il primo anno d'iscrizione alla S.I.GI..

4.3        La quota associativa annuale deve essere corrisposta da ogni Socio alla Segreteria della S.I.GI. entro il 30 giugno dell'anno solare a cui si riferisce. Il pagamento della quota è necessario per fruire dei servizi sociali e per mantenere la qualifica di Socio.

4.4        In caso di ritardo (cioè dopo il 30 giugno dell'anno in riferimento) il Socio inadempiente è invitato, con lettera o e-mail, a versare il contributo scaduto e le prestazioni sociali sono sospese. In caso di mora maggiore il richiamo è fatto con lettera avente carattere di diffida. Superato l'anno solare, è prevista la decadenza da Socio per morosità.

4.5        Le quote sociali arretrate di Soci receduti o decaduti per morosità o comunque non potute riscuotere che il Consiglio Direttivo valuti irrecuperabili, possono essere cancellate dai crediti di fatto della Società a mezzo di apposita delibera dell'Assemblea.

4.6        Nei riguardi di Soci receduti debitori di una quota annuale o di Soci decaduti per morosità, resta peraltro fermo il diritto della S.I.GI. di richiedere il pagamento delle quote non corrisposte, come norma pregiudiziale nell'eventualità di istanza di riammissione alla Società.

4.7        Il Socio che intende recedere deve far pervenire al Presidente apposita lettera entro il 31 dicembre dell'ultimo anno di appartenenza, affinché l'impegno verso la Società non resti automaticamente rinnovato per l'anno successivo.

Art. 5 Consiglio Direttivo

5.1        Al termine del periodo transitorio a partire dalla costituzione della S.I.GI., il Consiglio Direttivo è formato da cinque membri eletti dall'Assemblea, oltre il past-President.

5.2        La durata del mandato del Consiglio Direttivo è di quattro anni e corrisponde alla durata del mandato del Presidente, del vice-Presidente, del Tesoriere e del Segretario Generale della Società.

5.3        Le elezioni del Consiglio Direttivo hanno luogo in occasione di apposita Assemblea Straordinaria a mezzo di schede consegnate personalmente o fatte pervenire per posta, come specificato ai successivi commi.

5.4        Per l'elezione dei membri del Consiglio Direttivo, il  Consiglio Direttivo in  carica, al fine di evitare dispersione di voti, avrà cura di predisporre una lista di nomi di Soci, in regola con il pagamento delle quote associative, disposti ad accettare l'eventuale incarico, tenendo conto dei suggerimenti pervenuti da gruppi di Soci e delle singole candidature eventualmente avanzate; in tale lista i nomi dei consiglieri uscenti rieleggibili saranno opportunamente contrassegnati.

La lista presentata dal Consiglio Direttivo non costituisce pregiudizio per l'eleggibilità di qualunque altro Socio Onorario, Ordinario, Sostenitore o Patrocinatore.

5.5        Ai sensi dell'art. 6, comma 3, dello Statuto, per cui un Consigliere non può essere eletto per più di tre volte consecutive, i periodi di appartenenza al Consiglio Direttivo devono essere cumulati con riferimento alle persone fisiche.

5.6        Le schede di votazione contengono i nomi dei Soci in lista (art. 5.4) e ogni Socio potrà esprimere il voto per non più di cinque nomi di Soci Onorari, Ordinari, Sostenitori o Patrocinatori, purché eleggibili.

5.7        Il diritto del Socio a far pervenire per posta il suo voto per l'elezione dei membri del Consiglio Direttivo, si esercita nei modi seguenti:

  • almeno venti giorni prima dell'elezione il Presidente invia a tutti i Soci il materiale per l'elezione (scheda di votazione con la lista dei candidati proposti dal Consiglio Direttivo; busta munita di  talloncino  di riscontro; altra busta di formato maggiore per la spedizione);
  • il Socio che intenda esercitare il diritto di cui sopra, compilata la scheda elettorale, la chiude nella prima busta, ne firma leggibilmente il talloncino e chiude tale busta nell'altra più grande, che spedisce all'indirizzo della Società.

5.8          Preliminarmente allo scrutinio sono eliminate le buste di voto inviate per posta da Soci che prendono parte alle elezioni in Assemblea.

All'atto dello scrutinio tutti i talloncini delle buste inviate per posta o consegnate in assemblea sono staccati registrando i nomi dei votanti.

5.9          A conclusione delle elezioni sarà compilata una lista di cinque Soci ordinati in ordine di preferenze decrescenti. Nei casi di parità valgono preferenzialmente l'anzianità d'iscrizione alla Società e, ulteriormente, l'anzianità anagrafica.

5.10         I Soci Sostenitori e Patrocinatori, qualora eletti, dovranno segnalare al Presidente uscente il nome del rappresentante permanente designato entro quindici giorni dalla data dell'elezione.

5.11         Il Consiglio Direttivo, nella sua prima riunione, dopo aver provveduto alla nomina delle cariche sociali, definisce le funzioni ed i compiti speciali da attribuire a Tesoriere e Segretario Generale.

Può inoltre conferire in qualsiasi momento al vice-Presidente, al past-President e ad altri Consiglieri compiti particolari. Su proposta del Tesoriere e del Segretario Generale può ulteriormente affidare a Soci non membri del Consiglio Direttivo compiti di collaborazione per il miglior disbrigo delle mansioni a questi attribuite.

Art. 6 Collegio dei Revisori dei Conti

6.1          La durata in carica del Collegio dei Revisori dei Conti è di quattro anni e i suoi membri sono rieleggibili senza limitazioni.

6.2          Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza di tre membri e le decisioni sono prese a maggioranza assoluta dei presenti.

6.3          Le elezioni del Collegio dei Revisori dei Conti hanno luogo in occasione di apposita Assemblea Straordinaria a mezzo di schede consegnate personalmente o fatte pervenire per posta, come specificato ai successivi commi.

6.4          Per la formazione del Collegio dei Revisori dei Conti, i singoli Soci Onorari, Sostenitori od Ordinari, che intendono candidarsi per le elezioni devono comunicare la loro disponibilità al Presidente almeno quarantacinque giorni prima della data preannunciata per le elezioni.

6.5          Le schede di votazione dovranno contenere cinque caselle, di cui tre per i membri effettivi e due per i membri supplenti: ogni Socio può esprimere il voto per non più di cinque nomi di Soci Onorari, Sostenitori od Ordinari.

6.6          Il diritto del Socio a far pervenire per posta il suo voto per l'elezione dei membri del Collegio dei Revisori dei Conti, si esercita nei modi seguenti:

  • almeno venti giorni prima dell'elezione il Presidente invia a tutti i Soci il materiale per l'elezione (scheda di votazione con l'elenco dei Soci che si sono candidati; busta munita di talloncino di riscontro; altra busta di formato maggiore per la spedizione);
  • il Socio che intenda esercitare il diritto di cui sopra, compilata la scheda elettorale, la chiude nella prima busta, ne firma leggibilmente il talloncino e chiude tale busta in quella di spedizione (che nel caso di votazioni abbinate può essere la stessa da usare per l'elezione del Consiglio Direttivo), spedisce infine quest'ultima all'indirizzo della Società.

6.7          Valgono per l'elezione del Collegio dei Revisori dei Conti le medesime procedure indicate all'art. 5, comma 8, del presente Regolamento, per l'elezione del Consiglio Direttivo.

6.8          A conclusione delle votazioni, risulteranno eletti, rispettivamente per ciascuna delle due categorie (membri effettivi e membri supplenti) i Soci che avranno raccolto il maggior numero di voti. Nei casi di parità valgono le stesse norme citate all'art. 5, comma 9, del presente Regolamento, per il Consiglio Direttivo.

6.9          I Soci Sostenitori e Patrocinatori, qualora eletti, dovranno segnalare al Presidente uscente il nome del rappresentante permanente designato entro quindici giorni dalla data dell'elezione.